Sono il Presidente di un'associazione sportiva da vari anni. Essendo in procinto di lasciare la carica quali sono gli adempimenti che devo seguire?
Il Presidente di un associazione o viene eletto dal consiglio direttivo o, cosa più rara, dall’assemblea dei soci, quindi è bene controllare lo statuto dell’associazione volta per volta.
In ogni caso dopo il cambiamento del Presidente l’associazione deve:
- Comunicare entro 30 giorni la variazione del rappresentante legale agli Uffici Finanziari
- Comunicare il nuovo nominativo al Comune
- Comunicare il nuovo nominativo agli Uffici Sanitari (questi ultimi due casi solo se l’associazione gestisce un bar all’interno della sede sociale) 
 
La nostra associazione circolo effettua operazioni di carattere commerciale e ci hanno consigliato di aprire la Partita IVA con opzione della legge 398/91. Tale apertura comporta obblighi con la SIAE?
Le associazioni che optano per l’applicazione del regime forfetario devono darne comunicazione sia all’Ufficio delle Entrate che all’Ufficio Siae competente per territorio. Tale comunicazione va effettuata prima dell’inizio dell’anno solare. Si precisa, inoltre che tale opzione vincola l’associazione per un quinquennio.

Vorrei sapere se i circoli sportivo-ricreativi devono iscriversi alla Camera di Commercio
Le associazioni non hanno alcun obbligo di iscrizione al Registro Imprese presso la Camera di Commercio. Per le associazioni però che svolgono attività commerciale in aggiunta a quella istituzionale è obbligatoria l’iscrizione al REA (Repertorio Economico Amministrativo). Il REA raccoglie tutti gli Enti che in qualche modo svolgono attività economica e viene tenuto per finalità informative e statistiche. Per l’iscrizione è necessario compilare il Modello R (da ritirare presso la Camera di Commercio) e consegnarlo allegando copia atto costitutivo e statuto e fotocopia del documento di identità del rappresentante legale. All’iscrizione corrisponde l’attribuzione di un numero (numero iscrizione Rea). 


 Si perde la qualifica di “no profit” se un circolo non chiude il bilancio in pareggio?
Per i circoli sportivi culturali ricreativi è fatto divieto di distribuire utili anche in modo indiretto tra i soci, inoltre c’e l’obbligo di reimpiegare eventuali utili per la realizzazione delle attività istituzionali. Quindi è del tutto legittimo per un circolo avere dei risultati positivi di gestione a fine anno, anzi ciò è auspicabile, l’importante quindi è l'impiego dell'utile.

Quali sono i vantaggi nello sponsorizzare un circolo sportivo-ricreativo per una ditta?
Per l’impresa che decide una sponsorizzazione, gli importi erogati in base al contratto sono da classificare in bilancio come spese di pubblicità, quindi il trattamento fiscale previsto è l'intera deducibilità nell’anno in cui queste spese vengono sostenute oppure suddivise in quote costanti nell’anno di riferimento e nei quattro successivi (art. 108 TUIR).

Siamo un'associazione sportiva in regime di contabilità ordinaria. Vogliamo optare per la legge 398 già dal mese di dicembre 2005. Qual'è la procedura e la modulistica da presentare all'Agenzia delle Entrate ed alla SIAE?
Da quando entra poi in vigore per la nostra Associazione il regime della Legge 398?

Il regime per la L.398/1991 entra in vigore a decorrere dal primo gennaio dell'esercizio successivo a quello in cui è stata effettuata l'opzione. L'opzione non è revocabile prima di un quinquennio. Ai fini IVA, la comunicazione dell'opzione avviene in sede di presentazione del Modello Unico per l'esercizio successivo a quello in cui ha effetto l'opzione stessa, mediante invio del modello VO - "opzioni", barrando la relativa casella; non deve essere invece presentata alcuna variazione IVA. Ai fini SIAE, la comunicazione dell'opzione deve essere trasmessa alla competente sede SIAE a mezzo raccomandata R.R. o con consegna diretta, prima dell'inizio dell'annualità: infatti, per poter applicare il regime dal 2006, la comunicazione deve essere inoltrata entro il 31/12/2005.

Sulla registrazione all'albo del CONI

L'iscrizione è obbligatoria ?
L'iscrizione al Registro è obbligatoria per perfezionare lo status di Associazione/Società Sportiva Dilettantistica. Una delle conseguenze dello status di "associazione/società sportiva dilettantistica" è quella di poter usufruire delle agevolazioni fiscali previste.


C'è un termine tassativo entro il quale iscriversi al registro ?
Il Regolamento di funzionamento del Registro non ha fissato un termine espresso entro il quale effettuare l'iscrizione ma, considerato che il principale effetto dell'iscrizione al Registro è il riconoscimento ai fini sportivi definitivo, questa, la prima volta, deve essere effettuata, entro la fine dell'anno/stagione sportiva propria di ciascuna Federazione, Disciplina e Ente. 

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva Attività Subacquee e Nuoto Pinnato - Viale Tiziano, 70 - 00196 Roma - Tel. 06.87980086
P.I 01382061008 - C.F.05267300589 IBAN BANCA BNL: IT24V0100503309000000010103 - POSTE ITALIANE SPA: IT22R0760103200000025054008
Contatti | Scrivici | Privacy