Archivio per mese
agosto 2017 (13)
luglio 2017 (18)
giugno 2017 (16)
maggio 2017 (23)
aprile 2017 (15)
marzo 2017 (8)
febbraio 2017 (8)
gennaio 2017 (8)
dicembre 2016 (11)
novembre 2016 (39)
ottobre 2016 (15)
settembre 2016 (12)
agosto 2016 (10)
luglio 2016 (17)
giugno 2016 (14)
maggio 2016 (8)
aprile 2016 (14)
marzo 2016 (11)
febbraio 2016 (18)
gennaio 2016 (11)
dicembre 2015 (12)
novembre 2015 (13)
ottobre 2015 (13)
settembre 2015 (5)
agosto 2015 (4)
luglio 2015 (16)
giugno 2015 (15)
maggio 2015 (11)
aprile 2015 (8)
marzo 2015 (4)
febbraio 2015 (17)
gennaio 2015 (12)
dicembre 2014 (9)
novembre 2014 (5)
ottobre 2014 (11)
settembre 2014 (4)
agosto 2014 (4)
luglio 2014 (6)
giugno 2014 (8)
maggio 2014 (5)
aprile 2014 (13)
marzo 2014 (10)
febbraio 2014 (5)
gennaio 2014 (11)
dicembre 2013 (8)
novembre 2013 (11)
ottobre 2013 (11)
settembre 2013 (12)
agosto 2013 (6)
luglio 2013 (8)
giugno 2013 (4)
maggio 2013 (5)
aprile 2013 (11)
marzo 2013 (9)
febbraio 2013 (17)
gennaio 2013 (8)
dicembre 2012 (15)
novembre 2012 (18)
ottobre 2012 (22)
settembre 2012 (12)
agosto 2012 (5)
luglio 2012 (12)
giugno 2012 (12)
maggio 2012 (11)
aprile 2012 (8)
marzo 2012 (6)
febbraio 2012 (8)
gennaio 2012 (6)
dicembre 2011 (4)
novembre 2011 (12)
ottobre 2011 (10)
settembre 2011 (8)
agosto 2011 (8)
luglio 2011 (6)
giugno 2011 (6)
maggio 2011 (7)
aprile 2011 (7)
marzo 2011 (3)
febbraio 2011 (8)
gennaio 2011 (5)
dicembre 2010 (10)
novembre 2010 (9)
ottobre 2010 (4)
agosto 2010 (3)
luglio 2010 (7)
giugno 2010 (9)
maggio 2010 (4)
aprile 2010 (12)
marzo 2010 (8)
febbraio 2010 (8)
gennaio 2010 (5)
dicembre 2009 (7)
novembre 2009 (11)
ottobre 2009 (9)
settembre 2009 (4)
luglio 2009 (4)
giugno 2009 (3)
maggio 2009 (3)
marzo 2009 (1)
febbraio 2009 (1)
gennaio 2009 (1)
ottobre 2008 (5)
Archivio categorie
20

Mondo Pesca, la prima manifestazione dedicata al mercato nazionale che ha come obiettivo quello di far incontrare gli operatori della pesca sportiva con quelli della pesca professionale, ospiterà domenica prossima alle 11 un incontro dedicato agli squali nel Mediterraneo. Nello specifico si farà il punto su SharkLife, un progetto Life+ dell’Unione Europea, di cui sono capofila il CTS e la FIPSAS, che si propongono di contribuire alla conservazione degli squali, con attività mirate in particolare allo squalo elefante e al trigone viola due specie spesso vittime di catture accidentali, e altre quali il palombo, lo squalo volpe, le verdesche, lo spinarolo e alcune razze che vengono catturate durante le gare di pesca sportiva. Gli Squali che non sempre hanno valore commerciale, ma che molto spesso vengono catturati accidentalmente. Queste attività, hanno un forte impatto su molte specie, sia nel numero di quelli catturati e sia perché spesso si tratta di catture di giovani esemplari.

Il Mediterraneo è un mare semi-chiuso che ospita 45 specie di squali. L’Italia, grazie alla sua posizione strategica nel cuore del Mediterraneo, ospita 43 specie di squali. Il rapporto IUCN presenta prove del fatto che l’area interessata ha la percentuale più alta di squali e razze minacciate al mondo. Il 42% delle 71 specie valutate sono elencate nella Lista Rossa delle specie minacciate (nelle categorie Criticamente minacciate, in pericolo o vulnerabili) a causa del loro stato di conservazione.

A venire in aiuto agli squali sono stati proprio i pescatori. Nell’ambito della pesca sportiva la FIPSAS (Federazione Italiana Pesca Sportiva ed Attività Subacquee) partner di SharkLife, ha modificato il regolamento di pesca sportiva che adesso prevede l’obbligo del rilascio in mare di tutti gli esemplari di squali e razze pescati. Gli animali saranno anche marcati con un tag ovvero gli verrà applicata una targhetta numerata e per ogni squalo marcato saranno rilevati dati quali luogo di cattura, lunghezza che poi saranno confrontati in caso di ricattura.

«Grazie a SharkLife, che volge alla chiusura dopo tre anni di intense attività lungo le nostre coste, abbiamo marcato 57 squali –  dichiara Ugo Claudio Matteoli, Presidente Nazionale FIPSAS. Un impegno che la nostra Federazione vorrebbe proseguire per il futuro. SharkLife – continua Matteoli –  ha contribuito a consolidare tra i pescatori sportivi una sensibilità verso la tutela della biodiversità marina di cui andiamo fieri e di cui ci faremo senz’altro portatori in tutti i nostri incontri».

«SharkLife non solo ha segnato un cambio di passo nella pesca sportiva, da quando FIPSAS ha modificato il regolamento di pesca, ma ha generato una sinergia proficua che siamo convinti proseguirà oltre il progetto - dichiara Stefano Di Marco, Vice Presidente Nazionale CTS. Grazie alla collaborazione con i pescatori sportivi, è stato possibile individuare durante le gare una nursery di palombi nella zona antistante Bibbione. Questo consentirà di salvare e quindi conservare una specie come quella del Palombo, tra i pesci più pescati che spesso finisce sulle nostre tavole».

di seguito il programma dell'incontro conclusivo sui risultati raggiunti dalla FIPSAS con la premiazione delle società sportive che hanno taggato il maggior numero di squali.



 

Commenti

Attualmente non sono presenti commenti, ma sei invitato a inserirne.

Inserimento Commenti

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti.

FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva Attività Subacquee e Nuoto Pinnato - Viale Tiziano, 70 - 00196 Roma - Tel. 06.87980086
P.I 01382061008 - C.F.05267300589 IBAN BANCA BNL: IT24V0100503309000000010103 - POSTE ITALIANE SPA: IT22R0760103200000025054008
Contatti | Scrivici | Privacy